Cerca
  • Daniela Grossi

Immagina di incontrare un angelo


"Prova a chiudere gli occhi: scoprirai quante immagini ti abitano", suggerisce Raffaele Morelli, "affidarsi a loro ti avvicina alla sorgente da cui nasce il tuo modo unico di essere."


Quando ti capita di sentirti nello sconforto, quando il dubbio ti assale, quando avresti bisogno di un suggerimento, di un consiglio, invece che cercare conforto e risposte all'esterno, rivolgi l'attenzione al tuo mondo interno e ascolta i messaggi che arrivano dalla tua parte più saggia: la tua Anima.


L'ascolto della voce della nostra Anima è uno dei principi fondanti la filosofia del Dr. Bach, che sostiene che ogni essere umano nella realizzazione di sè e nel suo percorso evolutivo è guidato dalla propria Anima, quella saggezza interiore che non ci parla attraverso i ragionamenti, bensì attraverso le nostre propensioni, i nostri desideri, le nostre aspirazioni, le nostre intuizioni. Quella voce che ci sussurra in ogni momento la cosa più giusta per noi.

Bach ci spiega che "la nostra Anima, la piccola voce tranquilla, la voce di Dio stesso, ci parla tramite la nostra intuizione, i nostri istinti, i nostri ideali, i nostri gusti, in modo da renderne facile per noi individuarne l'ascolto. Altrimenti, come può Egli parlarci?"


Purtroppo quello che più spesso succede è che la nostra attenzione è rivolta all'esterno, in ascolto di così tante altre voci che non resta più spazio per quella più importante: la nostra.


E proprio per questo motivo che a volte ci sentiamo persi, in confusione, nel dubbio su quale sia la strada da seguire. Diventa quindi ancora più importante fermarsi un attimo e volgere l'ascolto all'interno di noi stessi.


Per facilitarti l'ascolto interiore e sintonizzarti sulle tue risorse, ti propongo un semplice esercizio di meditazione immaginativa.


Incontra il tuo Angelo


Trova un momento e uno spazio per te in cui nessuno ti possa disturbare.

Mettiti comodo in una posizione seduta, poi chiudi gli occhi e porta l'attenzione al tuo respiro, ascolta semplicemente il ritmo del tuo respiro.

Immagina poi di immergerti nel buio dei tuoi occhi e di affidarti al silenzio.

E mentre ti lasci avvolgere dal buio, inizi a scorgere una scintilla luccicante.

E' una scintilla che si espande sempre di più, diventando sempre più luminosa.

Inizi a percepire tutto intorno a te una presenza dolce, protettiva: è un Angelo.

Un Angelo splendente di luce che ti avvolge, ti sorride e tutti i tuoi pensieri e le preoccupazioni svaniscono.

Ti fai cullare dalla sua presenza rassicurante e lasci che l'Angelo ti lasci il suo messaggio.

Puoi restare in compagnia del tuo Angelo tutto il tempo che vuoi.


Clicca qui per fare la meditazione guidata dalla mia voce.


"Le immagini parlano al cervello antico, che racchiude i nostri istinti più autentici", spiega ancora Morelli, "quando le utilizzi in un particolare stato di coscienza, nutri il mondo interno che ti guida verso ciò che ti fa stare bene".


Anche i più recenti studi sul cervello, come spiega Francesco Bottaccioli nel suo libro Meditazione, psiche e cervello, affermano che "il cervello funziona in larga misura per immagini, la modalità linguistica è solo un importante, ma piccolo aspetto della produzione della coscienza. E' per questo che le tecniche di visualizzazione e di meditazione hanno un effetto potente: parlano la stessa lingua del cervello, usano la stessa modalità di produzione di immagini."


E allora, quando perdi la connessione con la tua Anima, fermati un attimo e incontra il tuo Angelo e lascia che ti suggerisca ciò che è più utile per te.


Angelsword è un'essenza floreale che fa parte del repertorio dei Fiori Australiani e ti può aiutare a seguire più facilmente la tua guida interiore.

Come indica il suo nome Angels-word, parola degli angeli, l'essenza favorisce l'ascolto interiore. Ian White spiega che "l'essenza aiuta a stabilire una comunicazione chiara con il proprio sè superiore, per ascoltarlo realmente e sintonizzarsi con esso. Aiuta a fare chiarezza e a eliminare la confusione e l'informazione distorta; consente di percepire con il cuore e la propria conoscenza interiore".