La rabbia: esprimila nel modo giusto e sparirà

April 20, 2018

 

Tutti ci arrabbiamo: la rabbia è la risposta del nostro organismo quando succede qualcosa di diverso da ciò che ci aspettiamo, quando i nostri bisogni non vengono riconosciuti, anzi, vengono frustrati da qualcuno che non rispetta le nostre opinioni e i nostri valori. 

Questa emozione ci serve dunque per evitare che una determinata situazione spiacevole si ripeta.

 

Per questo motivo la rabbia in sè non è distruttiva, ma può sensibilizzare l'altro al rispetto, all'attenzione e ad un comportamento responsabile.

Può essere inoltre utile a non sottomettersi alle coercizioni e a delineare con fermezza la propria posizione e la propria identità.

Senza questa emozione, si rischia di diventare vittime e di sottomettersi senza ribellarsi, comunicando implicitamente di non meritare di essere rispettati.

 

Il problema dunque non è dato dal provare rabbia, ma da come reagiamo quando proviamo questa emozione spiacevole.

 

Per gestire la rabbia può essere utile quindi individuare innanzitutto le modalità di espressione di questa emozione.

 

La rabbia infatti si può esprimere attraverso diverse modalità: ad esempio quelle aggressive e plateali degli insulti, delle accuse e delle prepotenze, oppure con modalità più silenziose e rancorose,  come le lamentele, l'evasività e l'amarezza.

 

Queste modalità opposte, che consistono nel reprimerla oppure nell’esprimerla in modo distruttivo,   sono entrambe disfunzionali perché si tratta di modalità opposte ed estreme, che evidenziando la perdita del controllo delle emozioni, piuttosto che una riflessione su di esse, rivolta ad elaborarle.

 

Un'altra modalità è quella passivo-aggressiva, che consiste nel rifiutarsi di parlare con l'altro, covando rancore e calunniandolo alle spalle.

Anche questa modalità non è funzionale all'elaborazione della rabbia.

 

Un'ulteriore modalità di espressione e gestione della rabbia, in questo caso efficace, è l'assertività.

 

L'assertività è equidistante sia dall'aggressività che dalla passività, perchè basata sul rispetto della dignità di tutti, inclusi gli interlocutori  che hanno commesso errori o si sono comportati in modo irrispettoso.

 

L'assertività consiste nel parlare con fermezza, anche su questioni delicate e complesse senza divagare, con la capacità di saper dire "no" piuttosto che cedere alle insistenze per essere accomodanti ed evitare disaccordi. Permette di rimanere coerenti sulle proprie posizioni, esplicitare i propri diritti, aspettative e bisogni, senza toni lamentosi o pretenziosi, ma con chiarezza.

 

E tu, quando ti senti arrabbiato, come esprimi questa emozione?

 

Sicuramente avrai avuto modo, nell'arco della tua vita, di sperimentare su te stesso che le prime due modalità di espressione della rabbia, sia che venga espressa in modo aggressivo, sia che venga trattenuta, non sono affatto funzionali, anzi, la collera, in tutte le sue espressioni, alimenta sentimenti malsani che danneggiano noi stessi e chi ci circonda.

 

L'antidoto alla collera è proprio l'assertività: quell'atteggiamento che ti permette di esprimere te stesso rispettando l'altro. 

 

Ad esprimere la rabbia nel modo più giusto e ad avere un atteggiamento più assertivo ti possono aiutare i fiori di Bach.

 

  • Holly è utile se la rabbia sembra incontenibile e reagisci in modo aggressivo, alimentando il conflitto, alzando la voce, insultando l'altro, minacciandolo. Quando senti l'ira che infiamma  il tuo corpo come la benzina sul fuoco.

  • Willow è invece utile se ti senti vittima di situazioni ingiuste, determinate da altre persone,  con le quali ti senti arrabbiato ma incapace di prendere in mano la situazione e farti le tue ragioni.  Sentirsi "vittima" alimenta impotenza e rabbia e limita la capacità di poter cambiare in meglio la situazione.

  • Agrimony è indicato se trattieni e mascheri la rabbia per evitare i conflitti, come si suol dire "per amor di pace".  

  • Cherry Plum può essere efficace insieme a Holly, se la rabbia è talmente intensa che perdi facilmente il controllo e il rischio è quello di ferire l'altro con parole o gesti troppo aggressivi.

  • Centaury infine non è un rimedio specifico per la rabbia, ma ti può aiutare se hai un atteggiamento troppo accondiscendente, ad esprimere te stesso con maggiore  assertività. 

Please reload

Please reload

In primo piano

Come rendere belle le cose con Nietzsche e i Fiori di Bach

January 1, 2020

1/10
Please reload

Ultimi Articoli

October 21, 2019