Archetipi femminili per esprimere pienamente te stessa

August 5, 2019

 

Che cos'è un Archetipo

La parola Archetipo deriva dal greco archè (originale) e tipos (modello). 
Il termine viene utilizzato in filosofia per indicare una forma preesistente e primitiva di un pensiero, come per esempio l'idea platonica; in psicoanalisi da Jung ed altri autori per indicare idee innate e predeterminate dell'inconscio umano; per derivazione in mitologia le forme primitive alla base delle espressioni mitico-religiose dell'uomo; in floriterapia per descrivere modelli archetipici di comportamenti umani.
Un Archetipo dunque, non è altro che un modello universale.

 

Così come esistono Archetipi comuni a tutta l'umanità, ce ne sono altri che sono propri di ciascun genere: Archetipi maschili e femminili.
Nello specifico gli Archetipi Femminili sono tutti quei modelli di espressione, di modi di essere tipicamente femminili.

In ogni donna sono presenti tutte le forme archetipiche del femminile, tuttavia per innumerevoli motivi spesso vi è una certa disposizione a lasciarsi dominare da uno o due in particolare.


Quando un Archetipo prende il sopravvento nella vita di una donna succede che tale espressione archetipica predominante non lascia spazio a tutte le altre, e questo si traduce con difficoltà e malessere.

Per fare un esempio quando nella donna l'Archetipo della madre è integrato, si manifesteranno in lei qualità come istinto materno, dedizione agli altri, generosità, pazienza, protezione, accoglienza, creatività; se invece l'Archetipo è predominante avrà difficoltà a dire no alle richieste dei suoi cari, sarà dipendente nel rapporto coi figli e di coppia ed eccessivamente presente nelle loro vite, proverà risentimento nel momento in cui coloro che ama non rispondono alle sue aspettative e sensi di colpa se si dedica ad attività al di fuori del suo ruolo di madre.


Quando un Archetipo prende il sopravvento sugli altri, la sua posizione dominante impedisce l'espressione di altri aspetti. 


Per fare un altro esempio, se una donna è sotto l'influenza di Atena, ha un enorme successo nel lavoro, può però sentire che qualcosa le manca e in questo caso Afrodite può portarla ad innamorarsi, o Demetra a desiderare di essere madre, oppure potrebbe essere necessaria Estia per guardare dentro di sè e trovare un equilibrio tra la carriera e la necessità di formare una famiglia.

Le divinità femminili della mitologia rappresentano l'espressione degli Archetipi Femminili racchiusi all'interno di ogni donna e si esprimono attraverso le diverse esperienze che una donna vive durante la sua esistenza.
Le Dee vivono all'interno di ogni donna e questi miti femminili sono un ponte che permette di poter comprendere come questi residui arcaici modellano la personalità e il comportamento di ogni donna.

 

La Canzone di Eva è un sistema floriterapico, creato dal Dr. Eduardo Grecco, che si compone di 12 essenze floreali, indicate per un percorso di consapevolezza e crescita attraverso gli Archetipi Femminili.

 

Queste essenze floreali, sono composte dalla famiglia di fiori della Mariposa (Calochortus).


Tutti i rimedi ricavati da questa famiglia di fiori condividono una profonda azione sul risveglio del sentimento di sicurezza interiore e sulla capacità di sanare le ferite di carenza, abbandono, rifiuto, angosce, sofferte nella prima infanzia.


Ognuna di queste essenze agisce su aspetti particolari e propri che possono collegarsi con impronte archetipiche registrate nell'animo femminile e nel processo di evoluzione della donna.


Questi 12 fiori di Mariposa hanno la finalità di elaborare differenti aspetti della donna, presenti tanto come tendenza di personalità che come attitudini, emozioni e comportamenti.
Tre di queste essenze sono combinate con l'Elisir di Ossidiana che apporta una qualità curativa particolare, in quanto favorisce il contatto con la propria parte in ombra, portando alla luce le espressioni di se che sono state a lungo represse.

Un lavoro con le essenze della Canzone di Eva è indicato a tutte le donne di tutte le età che desiderano sapere di più su se stesse per avanzare nel cammino della felicità e autorealizzazione attraverso le potenzialità della propria energia femminile.

 

Ma perchè proprio le Dee e le figure mitologiche come Archetipi?

Perchè le Dee hanno caratteristiche ben precise che portano molta chiarezza nel lavoro introspettivo e lasciano poco spazio alla confusione.

Inoltre, prendere esempio da figure mitologiche è molto più facile: la visione è più distaccata ed essendo figure simboliche lavorano molto di più a livello inconscio.

 

Vuoi fare una piccola e semplice prova?

Scegli tra tutti il fiore che ti attira di più e leggi il messaggio dell'Archetipo Femminile corrispondente.

 

 

1 - ARTEMIDE: determinazione - indipendenza - fiducia in se stessa.

"Non mi mettere limiti", "non mi pestare i piedi", sono i motti dell'archetipo Artemide.

Personificazione dello spirito femminile indipendente che cerca e persegue le sue mete liberamente.

Rappresenta un senso di integrità e di completezza, di "so badare a me stessa".

Ha la capacità di concentrarsi intensamente su qualsiasi cosa consideri importante, senza lasciarsi distrarre.

Aiuta a raggiungere i propri obiettivi.

 

2 - ATENA: lucidità mentale - concretezza - praticità.

Rappresenta la razionalità, rappresentata più dalla testa che dal cuore.

Saper pensare, mantenere il sangue freddo nell'incandescenza delle situazioni emotive e mettere a punto strategie adeguate nel mezzo di un conflitto, sono sue caratteristiche.

In Atena domina l'intelligenza agganciata alla dimensione pratica e pragmatica.

Aiuta nel lavoro, nello studio e nella pianificazione.

 

3 - ESTIA: concentrazione - pace interiore - saggezza.

E' l'archetipo della concentrazione sul mondo interno, è il punto fermo che da senso all'attività, il punto di riferimento interiore che consente di rimanere ben salde in mezzo al caos del mondo esterno e all'agitazione della vita quotidiana.

Aiuta e favorisce la meditazione e l'introspezione.

 

4 - ERA: fedeltà - dedizione - unione.

Rappresenta il desiderio di condividere la propria vita in coppia, con un compagno accanto. Senza un partner ci si sente incomplete.

Questo archetipo dona la capacità di legarsi, di essere leali e fedeli.

E' presente il senso dell'unione e della comunione con il partner.

Aiuta nella relazione di coppia.

 

5 - DEMETRA: fecondità - generosità - accudimento.

E' l'archetipo della madre che si realizza nella gravidanza o nel dare agli altri nutrimento, fisico, psicologico, spirituale.

E' l'archetipo di coloro che donano generosamente, che si occupano degli altri fisicamente, emotivamente, spiritualmente.

Si è solide, fidate, attente, altruiste e leali.

Aiuta ad esprimere al meglio il senso materno.

 

6 - KORE/PERSEFONE: fanciullezza - profondità - medianità.

Archetipo caratterizzato da due aspetti: la figlia e la regina degli inferi.

Quando predomina l'aspetto figlia, si è obbedienti alla famiglia di origine e non totalmente sganciate da essa, duttili e poco predisposte ad agire, piuttosto ad essere agite.

L'aspetto regina degli inferi invece rappresenta la capacità di muoversi tra la realtà oggettiva e la realtà inconscia della psiche o dei mondi spirituali. Il mondo materiale e spirituale, la vita e la morte , convivono in modo equilibrato.

Aiuta nel lavoro sulla relazione con la propria madre.

 

7 - AFRODITE: bellezza - fascino - positività.

Determina il piacere per l'amore, la bellezza, la sensualità, la sessualità.

E' l'archetipo dell'amante e quando è attivo si è facili all'innamoramento, è come se ci sia uno stato di innamoramento generale e costante per tutte le cose e per ogni cosa.

E' una forza immensa di cambiamento. Quando è attivo la persona è solare, positiva e tendenzialmente sorridente alla vita. C'è passione in tutto quello che si fa.

Gli occhi di Afrodite vedono tutto attraverso il velo della bellezza e dell'amore.

Aiuta a vivere la piacevolezza e la bellezza di ogni cosa.

 

8 - IRIS: ispirazione - comunicazione.

Messaggera degli dei e personificazione dell’arcobaleno.

Le vengono attribuite le ali per indicare la rapidità con cui reca i comandi divini agli altri dei.

Dea alchemica: simbolizza un canale di trasmissione del divino verso il mondo degli uomini

Musa ispiratrice

Iris concede alla donna di essere desiderata, adorata, amata, perché è uno “specchio” per l’uomo.

Favorisce l'ispirazione.

 

9 - MEDEA: sapere magico - intuitività

E' la sacerdotessa, la sciamana, la maga.

Rappresenta la natura femminile profonda, legata al suo potere ancestrale. Donna viscerale e appassionata.

Figura ambigua in relazione al bene o al male: la donna che trascende e integra l’archetipo  si trasforma in sacerdotessa o sciamana, quella che rimane intrappolata dentro l’archetipo sarà guidata dal lato oscuro.

Aiuta ad utilizzare il proprio potere "magico" a fini costruttivi.

 

10 - AGAR: Donna schiava del patriarcato e del maschilismo.

Aiuta a riconciliarsi con il femminile riconoscendone i valori e a prendere coscienza che uomini e donne sono schiavi di credenze e valori patriarcali che incatenano entrambi a una vita divisa, separata e carente di pienezza, amore e gioia.  

 

11 - EVA: Si può estendere a tutte le donne: simbolicamente Eva è la madre di tutte le donne. 

Aiuta a liberarsi da colpa e vergogna quando si vive in maniera diversa da ciò che è stabilito dalla legge patriarcale e ribellarsi ad essa (specialmente per ciò che riguarda la libertà sessuale).

 

12 - CENERENTOLA: Giovane di grande bellezza e innocenza, maltrattata da coloro che dovrebbero amarla.

Aiuta a contattare la bambina ferita e abbandonata all'interno di se stesse e a prendersene cura.

Aiuta inoltre a comprendere il proprio valore favorendo l'autostima.

 

 

 

Vuoi utilizzare le essenze degli Archetipi Femminili?

Clicca qui e scopri il percorso con gli Archetipi Femminili

oppure partecipa al workshop



Please reload

Please reload

In primo piano

Direzione benessere

October 21, 2019

1/10
Please reload

Ultimi Articoli

October 21, 2019